logo


La Laurea nella classe L-32 Scienze e tecnologie per l'ambiente e la natura è concepita come momento di formazione di base per la prosecuzione degli studi, ma prevede interessanti sbocchi occupazionali principalmente nelle attività professionali che includono collaborazioni con Enti Locali, amministrazioni pubbliche ed istituzioni private preposte alla gestione e tutela ambientale ed alla pianificazione e controllo territoriale (inclusi CFS e Servizi Forestali Regionali), Enti e laboratori di ricerca pubblici e privati, imprese e studi professionali, parchi e riserve, musei naturalistici e centri didattici. Il laureato potrà operare nella prospettiva della sostenibilità e ai fini della valutazione ambientale e della tutela della biodiversità, svolgendo compiti operativi e professionali di supporto e collaborazione ad attività quali: • rilevamento, classificazione e analisi delle componenti biotiche e abiotiche degli ecosistemi; • cartografia tematica anche con impiego di SIT e remote sensing; • analisi, controllo e monitoraggio di componenti, sistemi e processi geoambientali ed ecologici, anche antropogenici; • localizzazione, diagnostica, tutela e recupero di sistemi e beni ambientali, emergenze e risorse biologiche; • realizzazione di percorsi educativo-didattici, turistico-naturalistici, museali, espositivi, di formazione. Il laureato nella classe L-32 potrà accedere all'esame di stato per l'iscrizione all’albo degli Agrotecnici e Agrotecnici Laureati (previo svolgimento di sei mesi di tirocinio o percorso professionalizzante equivalente) e all’albo professionale dei Biologi Junior (sez. B). Inoltre il corso interclasse permette di svolgere attività professionale nell’ambito del controllo ambientale (Tecnici del controllo ambientale), come guide ed accompagnatori turistici, oppure nell’abito della didattica e della formazione (Tutor, istruttori e insegnanti nella formazione professionale; Insegnanti tecnico-pratici nei Centri di Educazione Ambientale e simili; Tecnici dei musei, ecc.). I laureati della classe L-34 Scienze Geologiche saranno in possesso di conoscenze idonee a svolgere attività professionali in diversi ambiti occupazionali, quali: cartografia geologica di base; rilevamento delle pericolosità geologiche; analisi del rischio geologico, intervento in fase di prevenzione e di emergenza ai fini della sicurezza; indagini geognostiche ed esplorazione del sottosuolo; reperimento delle georisorse, comprese quelle idriche; valutazione e prevenzione del degrado dei beni culturali e ambientali; analisi e certificazione dei materiali geologici; valutazione d'impatto ambientale e ambientale strategica; rilievi geodetici, topografici, oceanografici e atmosferici; esecuzione di prove e analisi di laboratorio geotecnico. Queste competenze trovano applicazione presso: enti e laboratori di ricerca pubblici e privati, enti preposti alla tutela ambientale ed alla pianificazione territoriale; studi professionali geoingegneristici o società di consulenza geo-ambientale; servizi tecnici statali e regionali; parchi e comunità montane; Corpo Forestale; musei naturalistici; laboratori di analisi di geomateriali; nell'ambito della protezione civile; nella costruzione di opere pubbliche e civili. Le conoscenze scientifiche di base permettono inoltre ai laureati di accedere ad ambiti lavorativi più ampi di tipo scientifico/tecnologico (tecnici cartografici e informatici applicati all’ambiente, monitoraggio ambientale) e della diffusione della cultura scientifica o nell’analisi e conservazione dei beni culturali, ma anche di inserirsi nell’ambito dell’insegnamento seguendo le attuali normative ministeriali. La laurea in L-34 permette di accedere all’Albo professionale dei Geologi (Sezione B) attraverso il superamento dell’Esame di Stato per l’esercizio della libera professione (http://www.geologi.it/) nonché all’esame per la professione di Perito Industriale Laureato (sezione: industrie minerarie), previo svolgimento di tirocinio o percorso professionalizzante equivalente.

Home Page


ORIENTAMENTO per:
Studenti di Scuole superiori
Matricole

Porte Aperte Unicam

Riserva Naturale di Torricchio
Centro Ricerche Floristiche dell'Appennino (CRFA)

Collegamenti interessanti